Torino, fino a qualche anno fa, era ingiustamente considerata vecchia, sottovalutata, dimenticata, evitata. Ormai, invece, è ‘the place to be’: il posto ideale dove scappare per godersi qualche giorno di calma immersi nella bellezza – lo dice anche il New York Times, che la seleziona tra le 52 città da visitare assolutamente in tutto il mondo. La scelta del mezzo di trasporto per raggiungerla è semplice; ovunque voi siate, a qualsiasi ora vogliate arrivare, che cerchiate la comodità o desideriate il risparmio, la risposta è la stessa: il treno. A meno di un’ora da Milano e da Genova, Torino è collegata perfettamente con le principali città italiane: due sono le principali stazioni della città, Torino Porta Nuova e Torino Porta Susa, collegate entrambe con il centro dai tram e dalla metropolitana. Le migliori attrazioni sono, dunque, tutte a portata di mano: ecco le 10 che non dovete assolutamente perdervi!

Residenze reali

Torino è una città reale e per conoscerne la storia non c’è nulla di meglio che visitare i suoi palazzi del potere e le sue regge. I Musei Reali (con il Palazzo Reale, la Biblioteca, l’Armeria, i Giardini), Palazzo Carignano, Palazzo Madama e Villa della Regina dentro il perimetro della città, e il Castello di Agliè, il Castello di Govone, il Castello di Moncalieri, il Castello di Racconigi, il Castello di Rivoli, il Castello di Stupinigi, la Reggia di Venaria Reale nei suoi dintorni, sono solo alcune delle strutture che formano La Corona delle Delizie. Comodamente seduti a bordo di un autobus City Sightseeing o in sella a una bicicletta a pedalata assistita, scegliete uno dei numerosi tour organizzati per visitare la bellezza delle Residenze Reali, iscritte, di diritto, nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco.

Museo Egizio e MAO

Fondato nel 1824, il Museo Egizio di Torino è il più antico del mondo, secondo per collezioni solo a quello del Cairo. Riaperto nel 2015 dopo tre anni di restauri, espone più di tremila oggetti preziosissimi risalenti all’epoca dei faraoni; ne custodisce altri 26mila nei suoi magazzini, paradiso dei ricercatori. Tra le opere più pregevoli si annoverano la tomba intatta di Kha e Merit, numerosi papiri e le statue delle dee Iside e Sekhmet. Fate tuttavia attenzione: la visita ai quattro piani del Museo Egizio – ospitato nel Palazzo dell'Accademia delle Scienze – richiede diverse ore.

Se avete ancora tempo fate tappa anche al Museo d'Arte Orientale – MAO – che raggiungerete con una semplice passeggiata di un quarto d’ora. Le collezioni di opere provenienti da Cina, Giappone, Asia, Himalaya e Paesi Islamici sono affiancate da mostre curiose e appassionanti e da eventi davvero fuori dai sentieri battuti. Inoltre, al suo interno c’è un giardino zen che è un’oasi di pace.

Museo Egizio di Torino

Via Accademia delle Scienze 6

10123 Torino

www.museoegizio.it

Museo d'Arte Orientale

Via San Domenico 11

10122 Torino

www.maotorino.it

Museo del Cinema

Tappa imperdibile per un viaggio a Torino. Si trova all’interno della Mole Antonelliana, simbolo architettonico della città che, grazie all’ascensore panoramico e alla sua cabina di cristallo trasparente permette in soli 59 secondi di salire ad osservare la città, il Po e l’anfiteatro delle Alpi circostanti, con una visuale di 360 gradi – con i suoi 167 metri di altezza, la Mole era infatti l’edificio più alto d’Europa quando fu terminata, nel 1889. Il Museo del Cinema ha orari molto flessibili – fino alle 20 in settimana e fino alle 23 il sabato – e propone foto, video e film, manifesti e locandine, apparecchiature cinematografiche, scatole ottiche, bozzetti, costumi e scenografie di film per un viaggio alla scoperta della settima arte – una chicca da Instagram è la stanza degli specchi.

Museo Nazionale del Cinema

Via Montebello 20

10124 Torino

www.museocinema.it

Pinacoteca Agnelli

Da un lato vera meta, per il fascino del luogo e le opere maestose; dall’altro pretesto, perché se si vuole davvero conoscere Torino è d’obbligo visitare il Lingotto, l’edificio visionario che la ospita, progettato da Giovanni Agnelli nel 1915. Presso la Pinacoteca Agnelli furono prodotti decine di modelli di automobili, dalla Topolino degli anni ‘30 alla Lancia Delta del ‘79. Sul tetto è ancora accessibile l’autodromo ovale, storica pista di prova per le autovetture della fabbrica mentre gli altri piani dell’edificio ospitano esposizioni temporanee, un centro commerciale, il primo Eataly aperto in Italia nel 2007 e diverse fiere come il Salone del Gusto e Artissima. L’atipico ‘scrigno’ espositivo della Pinacoteca, disegnato da Renzo Piano e situato all’interno di una struttura sospesa sul tetto del Lingotto, espone i capolavori della collezione di famiglia: Balla, Canaletto, Manet, Matisse, Modigliani, Picasso, Renoir, sono solo alcuni nomi della collezione permanente, affiancata da mostre temporanee ed eventi.

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli

Via Nizza 230/103

10126 Torino

www.pinacoteca-agnelli.it

Museo Nazionale dell’Automobile

A post shared by @monsieur.jrg on

Se il Lingotto e la storia del legame tra Torino e i motori vi hanno sedotto, un luogo che non vorrete certamente trascurare è il Museo Nazionale dell’Automobile. Al 35° posto nella classifica dei 50 migliori musei del mondo secondo il Times, questo spazio futuristico – da poco restaurato dall’archistar Cino Zucchi – espone quasi 200 automobili originali di 80 case diverse: dalle prime vetture a vapore alle più recenti, oltre a manifesti, film, musiche legati al mondo dell’auto. È una visita da fare a tutte le età per scoprire l’evoluzione storica della tecnica e del design di questo rivoluzionario mezzo di trasporto, oggetto di grandi passioni.

Museo Nazionale dell’Automobile

Corso Unità d’Italia 40

10126 Torino

www.museoauto.it

Camera: il Centro Italiano per la Fotografia

A post shared by Sofia Ling (@sofiajjling) on

Nato nel 2015, col fine di coniugare la necessità di un grande spazio espositivo e un osservatorio sulla fotografia a una piattaforma d’incontro e ricerca che promuova progetti trasversali con festival, fiere ed eventi, Camera sfrutta gli spazi dell'Isolato di Santa Pelagia, nell’edificio in cui fu aperta la prima scuola pubblica del Regno d’Italia. Un progetto lungimirante e innovativo di educazione visiva e comprensione delle immagini che vale una visita per chi non resiste al fascino delle istantanee in analogico, digitale e pure su Instagram.

Centro italiano per la fotografia

Via delle Rosine 18

10123 Torino

www.camera.to

Bere il Bicerin

Il Bicerin è un'istituzione a Torino e non si può ripartire senza averlo gustato in uno dei suoi caffè storici. Per provare questa bevanda calda e confortante composta da caffè, cioccolato caldo fuso e crema di latte nella sua versione originale, l’appuntamento è allo storico Caffè Confetteria Al Bicerin – locale storico fondato nel 1793 e amato da Camillo Benso conte di Cavour. Una pausa nei suoi tavolini di marmo, cucchiai d’argento e gentile discrezione farà capire lo spirito di questa città più di mille parole.

Caffè Confetteria Al Bicerin

Piazza della Consolata 5

10122 Torino

www.bicerin.it

Mangiare nelle piole

Sono luoghi che occupano un grande spazio nella città e nella cultura torinese: la buona cucina piemontese è ricca e succulenta e si gusta nelle ‘piole’, locali tipici della tradizione dove si spende poco senza rinunciare al gusto. L’atmosfera è conviviale, sobria e familiare. Cantine Vittoria, nell’omonima piazza al numero 31; Caffè Vini Emilio Ranzini e i panini ‘con la lingua verde’ in Via Porta Palatina; Antiche Sere e la sua bagna cauda in Via Cenischia; Da Celso per gli agnolotti in Via Verzuolo; Trattoria Coco’s per fare un tuffo nel passato in Via Bernardino Galliari, e La Piola di Alfredo, per un pranzo o una cena tranquilla in centro, in Via Sant’Ottavio. Gnam!

Apericena

Vera istituzione di cui i torinesi vantano la paternità, ricollegando la nascita di questa tradizione a quella del Vermouth, inventato da Antonio Benedetto Carpano nel 1786 grazie all’aggiunta di una trentina di spezie al vino. Non c’è modo migliore di concludere la giornata che sorseggiando uno degli eccellenti vini del Piemonte, accompagnandolo a piatti caldi e freddi in un caffè storico, un locale alla moda o una vineria antica. Quando il tempo lo permette si sceglieranno i tavolini all’aperto nelle vie pedonali del centro oppure lungo il Po, tra i Murazzi e l’imbarco del magnifico Parco del Valentino. Qualche suggerimento per andare a colpo sicuro: Beerba in Via Sant’Anselmo e Vermouth Anselmo in Via Belfiore, entrambi in zona San Salvario; per vegetariani o vegani, Sapore Vegano in Via Ormea e Casa Manitù in Via Virle.

Piazza Castello

Il vero salotto dei torinesi: una volta raggiunta la piazza – magari a bordo dello storico tram numero 7 – si capisce subito perché è così amata. Progettata nel 1584, ha visto passare la storia di Torino e dell’Italia intera; al centro si trova Palazzo Reale mentre sui lati, oltre ai portici per lo shopping – con pausa obbligatoria allo storico Caffè Baratti & Milano – qui si affacciano Palazzo Madama, la Chiesa di San Lorenzo, che ospitava la Sacra Sindone appena giunta a Torino, e il Teatro Regio, tra i più sontuosi teatri lirici d’Italia e del quale vi consigliamo la visita anche se non avete il tempo per assistere a uno spettacolo.

Elegante e sobria ma anche giovane e in costante fermento, Torino invita il visitatore a lasciarsi stupire; ogni scusa è dunque buona per tornarci, anche solo per qualche ora. Che arriviate a Torino Porta Nuova o a Torino Porta Susa, tutte le attrazioni sono a pochi minuti a piedi o in tram dalla stazione.

Crea la tua prossima avventura: