TrenitaliaItaloThello

La Notte della Taranta

Se il Concertone del primo maggio segna l’inizio dell’estate, la maratona musicale salentina della Notte della Taranta si candida a chiudere in bellezza la stagione calda. Ecco come da una piccola rassegna itinerante di pizzica a Melpignano, nel cuore del Salento, si è arrivati a creare uno dei maggiori festival italiani ed europei di musica popolare.

L’anima del festival

Per molti il Ferragosto segna la fine delle vacanze estive e, va da sé, dello svago; non per chi ha scelto la Notte della Taranta, programmata per il 25 agosto 2018.


Per raggiungere Melpignano, sede del concerto, la soluzione migliore è scegliere un treno per Lecce; una volta giunti alla stazione, salendo su uno dei convogli della linea locale Lecce-Melpignano si arriva a destinazione in quaranta minuti – i servizi ferroviari e di autobus sono potenziati nei giorni del festival per agevolare gli spettatori provenienti da tutta Italia e dall’Europa.


Il festival, nato per celebrare la pizzica salentina, ha coinvolto progressivamente artisti di rilievo internazionale nell’ambito della world music, del rock e della musica sinfonica – tra questi Daniele Sepe, Goran Bregovic e Joe Zawinul nel ruolo di Maestri Concertatori nel corso delle edizioni precedenti. Al Maestro Concertatore, figura chiave della rassegna, è affidato il compito di arrangiare e reinterpretare i classici della tradizione salentina facendoli dialogare con altri generi musicali.


In questo processo di creazione sonora, il Maestro dirige l’Orchestra Popolare della Notte della Taranta – composta da trenta fra i migliori musicisti salentini – che si esibisce con gruppi musicali e cantautori  italiani e internazionali. L’edizione 2016 ha visto tra i suoi ospiti Carmen Consoli – prima donna nel ruolo di Maestro Concertatore – e Fiorella Mannoia.

Il Concertone chiude una rassegna che inizia a ridosso di Ferragosto coinvolgendo ben quindici comuni della Grecia Salentina e altri centri, tra cui la stessa Lecce. E, ancora più dei nomi, sono i numeri a sancire il successo dell’evento: gli spettatori che ogni anno partecipano alla Notte della Taranta sono più di 150mila.

La danza alimenta il vortice musicale in tutto il Salento

La Pizzica nasce con e per la danza: un connubio inscindibile in cui ritmi travolgenti e movimento contagiano la folla del Concertone; il potere aggregante della danza popolare, in forma autentica o rivisitata, è alla base del coinvolgimento di un pubblico così vasto.


Il quadro del festival sarebbe quindi incompleto se non citassimo il corpo di ballo che ogni anno si esibisce assieme all’orchestra residente durante la Notte della Taranta.


Il gruppo è composto da venti danzatori, sia professionisti che amatori, selezionati appositamente per l’evento e diretti da un maestro coreografo. Le coreografie, organizzate in forme di quadri, reinterpretano, anche nei colori e nei costumi, la tradizione etnografica salentina. In vari casi, i danzatori sono anche musicisti, a riprova di quanto i due ruoli siano intercambiabili.


Naturalmente, il festival rappresenta l’occasione per visitare Lecce e i borghi del Salento. Un suggerimento valido a maggior ragione se si considera che il servizio di trasporto pubblico viene potenziato per tutta la durata del festival, rendendo, di fatto, più agevoli gli spostamenti in treno da e verso la stazione di Lecce. Tra i borghi più interessanti figurano Galatina, che vanta uno dei centri storici meglio conservati del Salento, e Corignano d’Otranto, dove ancora si parla il Griko, dialetto di origine greca – entrambi rientrano nel circuito del festival.

La Notte della Taranta ha tutto il diritto di rivendicare il titolo di Concertone di Ferragosto. A differenza di altri grandi eventi musicali della Penisola, il festival salentino ha il merito di valorizzare un intero territorio, reinterpretando tradizioni musicali che diventano così  patrimonio collettivo. Non resta che prenotare un posto in treno prima di tuffarvi nel vortice di danze che investe Pelpignagno!

Nuovi orari Frecciabianca

Di seguito riportiamo gli orari estivi in vigore fino all'8 dicembre per raggiungere la stazione di Lecce:

 

Tratta Nuovo orario (partenza - arrivo)
Torino P. Nuova - Lecce 12:35 - 00:35
Torino P. Nuova - Lecce 08:30 - 18:48
Milano C.le - Lecce 12:40 - 22:11
Milano C.le - Lecce 07:35 - 16:48
Milano C.le - Lecce 11:35 - 20:48
Milano C.le - Lecce 12:35 - 21:48
Milano C.le - Lecce 13:35 - 22:48
Venezia S. Lucia - Lecce 06:55 - 15:48

La Notte della Taranta quick facts

  • Line Up: Orchestra Popolare la Notte della Taranta, altri artisti verranno comunicati a breve
  • Location: Salento e Melpignano, Lecce
  • Date: agosto 2018, concerto finale: 25 agosto 2018
  • Prezzo: gratuito

Come arrivare alla Notte della Taranta

E' possibile raggiungere Melpignano in treno con le ferrovie del sud est da Taranto, Otranto, Lecce e Gallipoli. La stazione di Melpignano si trova a 16 minuti a piedi dalla venue.

I tuoi viaggi iniziano bene con Trainline

Aiutiamo i nostri clienti in tutta Europa a realizzare oltre 125.000 viaggi al giorno.