Alzi la mano chi non si è mai immedesimato in Alice mentre perde e ritrova la strada nel giardino labirinto della Regina di Cuori. E la leggenda del labirinto di Cnosso con il Minotauro al centro, la ricordate? Spesso protagonisti della letteratura e dell’arte mondiali, i labirinti mescolano mistero e divertimento: una miscela questa che rende irresistibili le ville italiane ed i grandi spazi verdi abbelliti da questi intriganti dedali di siepi. Sentitevi perciò liberi di immaginarvi come dei moderni Arianna e Teseo, vi attendono 5 tra i più affascinanti giardini labirinto d’Italia.

Labirinto della Masone (Fontanellato, Parma)

A post shared by lavoltache (@lavoltache) on

Ebbene sì, il più grande labirinto verde al mondo è in Italia. Situato nel piccolo comune di Fontanellato, facilmente raggiungibile in treno dalle stazioni di Fidenza e Parma, il Labirinto della Masone è stato ideato e realizzato dall’editore e designer Franco Maria Ricci. Parte di un progetto artistico più ampio, presentando al suo interno una cappella, un museo, una biblioteca e numerosi spazi per eventi ed esposizioni, il giardino, delimitato da maestosi filari di pioppi, offre oltre tre chilometri di percorso e corridoi larghi tre metri, da esplorare tra migliaia di siepi di bambù e pura meraviglia. Scovare l’uscita sarà un vero divertimento – portate la bussola!

Labirinto del Castello di Masino (Caravino, Torino)

A post shared by Samy (@virgreg) on

Situato nei pressi di Torino, a poca distanza dalla stazione di Ivrea, il labirinto del Castello di Masino è il secondo più grande d’Italia. Appartenente all’enorme parco che circonda per intero il castello, il settecentesco labirinto botanico presenta mille metri di siepi ed una torretta che si erge al centro, dominando lo scenario. Non perdete l’occasione di visitare la rocca una volta risolto l’enigma del dedalo – situato su una collina, offre un panorama davvero incredibile. Una vera passeggiata indietro nel tempo.

Labirinto di Villa Pisani (Stra, Venezia)

A post shared by Andrea (@endriu.90) on

Tanto amato da Gabriele D’annunzio da includerlo in uno dei suoi romanzi, il labirinto di Villa Pisani beneficia di un panorama davvero affascinante, essendo inserito in un parco di ben undici ettari e potendo godere della bellezza della settecentesca villa, oggi sede di un importante museo nazionale. Facilmente raggiungibile tramite la stazione ferroviaria di Padova ed affacciata direttamente sul Naviglio del Brenta, Villa Pisani è probabilmente una delle più celebri ville venete – una visita alle sue stanze, oltre al suo dedalo, è semplicemente d’obbligo.

Labirinto del Parco Giardino Sigurtà (Valeggio sul Mincio, Verona)

A post shared by Roberto Malanga (@rob0386) on

Situato a poca distanza dalla stazione dei treni di Peschiera del Garda, il Parco Giardino Sigurtà è il luogo perfetto per coloro che sono alla ricerca di un pò di relax, tra infinite distese di manto verde, piante officinali, specchi d’acqua e statue. Un momento di divertimento è dato dal suo labirinto, esteso su una superficie di 2500 metri quadrati, al cui centro sorge una torretta ispirata a quella del Bois de Boulogne di Parigi. Salite sulla torre per ammirare dall’alto la forma geometrica del dedalo e mirare al successivo percorso naturale del giardino da seguire.

Labirinto del Castello di San Pelagio (Due Carrare, Padova)

A post shared by Cipria (@stendilacipria) on

La leggenda del labirinto di Cnosso rivive presso il Castello di San Pelagio, situato nella piccola cittadina di Due Carrare, a pochi chilometri dalla stazione dei treni di Padova. Il giardino labirinto del castello presenta infatti al suo interno le figure in pietra di Arianna mentre si dondola sull’altalena, di Teseo sulla nave e del Minotauro al centro del dedalo. Inserito nel contesto di una villa settecentesca dalla distintiva torre merlata, appunto il Castello di San Pelagio, oggi sede del Museo dell’Aria e dello Spazio, non vi preoccupate se vi sentite improvvisamente momentaneamente frastornati.

Crea la tua prossima avventura: