Benevento

La “città delle streghe” rappresenta uno dei maggiori snodi ferroviari della Campania: sono particolarmente frequenti i treni per Benevento in partenza da Napoli (il viaggio dura un'ora e mezza) e da Roma (che dista due ore). Benevento, che vanta un passato antichissimo, è immersa nella natura, incastonata nell’Appennino sannita. I numerosi treni per Benevento consentono di raggiungere facilmente sia la stazione centrale che quelle di Appia, Porta Rufina, Arco Traiano e Rione Libertà. Una volta messo piede in città, sarà un piacere visitare il centro a piedi, per ammirare celebri monumenti quali la chiesa di Santa Sofia, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, l’Arco di Traiano e il Teatro romano.

Visitare Benevento

Vero e proprio gioiello dell’entroterra campano, con le sue foreste e i suoi fiumi, Benevento combina bellezze naturalistiche ai meravigliosi lasciti di una storia gloriosa, che ha visto avvicendarsi Osci, Sanniti e Romani. Il centro storico dista venti minuti a piedi dalla stazione centrale: dopo la tappa obbligata ai piedi dell’Arco di Traiano, perfettamente conservato, in cinque minuti si raggiunge la Chiesa di Santa Sofia, una delle più importanti costruzioni di epoca longobarda. Dirigendosi verso il fiume, in un quarto d’ora ci si trova di fronte al bellissimo Teatro Romano, risalente al II secolo, e al Ponte Leproso, noto per il suo profilo a schiena d'asino.


Benevento è anche meta di foodies e appassionati di enogastronomia provenienti da tutta Italia (e non solo). Nei pressi del Teatro Massimo e lungo Corso Garibaldi ci si imbatte in numerose osterie e cantine dove è consigliatissimo ordinare un tagliere di capocollo, soppressata, caciocavallo e porcini, meglio ancora se abbinato a un calice di Aglianico del Taburno. Per gli amanti della carne il must sono gli ammugliatelli, caratteristici involtini di interiora di agnello. Per una nota di dolcezza, basta lasciarsi ingolosire dai torroni di cioccolato e nocciole. Doveroso, infine, omaggiare la tradizione con un bicchiere del celebre liquore locale, lo Strega, che trae il nome dalla leggenda secondo cui tra gli alberi di noce di Benevento si celebravano misteriosi sabba, a cui prendevano parte le streghe di tutta Italia.