Cremona

Situata nel cuore della Pianura Padana, nella parte meridionale della Lombardia, Cremona è una città a misura d’uomo che rappresenta una destinazione ideale per chi vuole scoprire un interessante patrimonio storico. Sono frequenti i treni per Cremona in partenza da importanti città come Milano e Mantova, distanti entrambe circa un’ora di viaggio. Conosciuta come la “città della musica” per la sua grande tradizione legata alla costruzione di strumenti ad arco (non a caso è la patria del sommo liutaio Stradivari), Cremona colpisce anche per la bellezza architettonica dei suoi edifici religiosi, come il Duomo, e per le sue bontà gastronomiche, in particolare salumi, formaggi e dolci.

Visitare Cremona

I treni per Cremona permettono di arrivare direttamente nel centro cittadino. Dalla stazione bastano dieci minuti per raggiungere Piazza del Comune: qui si possono ammirare il Duomo con il Battistero, in stile romanico e con la facciata in marmo bianco, il Torrazzo, la torre campanaria in muratura più alta d’Europa, e Palazzo Comunale con l’annessa Loggia dei Militi, che risale alla fine del tredicesimo secolo.


La città ospita ogni anno diversi eventi e manifestazioni, come Mondomusica, dedicata agli strumenti musicali d’alta gamma, e la Festa del Torrone, che rievoca l’origine di questo dolce tipicamente natalizio, ideato in occasione delle nozze tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza. Cremona, inoltre, è la sede del distretto liutario più grande e importante al mondo: sono circa 150 le botteghe dei liutai disseminate in città, pronte a spalancare le proprie porte ai visitatori. Gli appassionati di musica non potranno perdersi il Museo del Violino, che vanta una preziosissima collezioni di strumenti ad arco antichi e moderni. Non si può lasciare la città senza aver provato qualche specialità della cucina cremonese, come il cotechino e i marubini, pasta ripiena simile servita in brodo. Oltre al già citato torrone, c’è anche la tipica mostarda, la ‘frutta candita che pizzica’. Chi ama il formaggio avrà l’imbarazzo della scelta tra ottimi prodotti, tra cui il Provolone Valpadana.