Formia

I treni per Formia collegano il piccolo centro nella provincia di Latina con svariate località a breve e media distanza. Questo comune laziale, posto al centro del Golfo di Gaeta, può considerarsi una meta turistica alternativa, ma certamente interessante. I più frequenti treni per Formia sono quelli in partenza da Roma (la distanza è di poco più di un'ora) e Napoli (distante circa 50 minuti). La stazione è molto importante dal punto di vista viario e la sua ubicazione piuttosto agevole per una visita alla città. Per raggiungerla, infatti, occorrono appena 10 minuti a piedi. All'arrivo si rimane colpiti dalla fitta rete di antichissime chiesette e dall’imponenza del cosiddetto Cisternone.

Visitare Formia

Perché arrivare in treno a Formia e visitare la città? La sua vocazione turistica è legittimata anche dagli spunti decisamente interessanti che offre l’intero territorio. Le sue antichissime origini rimandano addirittura alla leggenda di Troia e ai lunghi viaggi di Ulisse, ma il passato di Formia è segnato soprattutto dall'influenza romana. Oltre alle molte chiesette, tutte antichissime ma recentemente restaurate, si può apprezzare il Museo Archeologico Nazionale, con mirabili sculture risalenti al periodo tra il I secolo a.C. e il I secolo d. C., raffiguranti distinti esponenti della società locale e della famiglia di Augusto. La vita quotidiana della civiltà romana è testimoniata dalla presenza di monete e reperti funerari. Si continua a respirare il profumo dell'antica Roma proseguendo fino al Cisternone, a meno di 10 minuti di distanza: questo inestimabile capolavoro di idraulica è un chiaro esempio della genialità dei propri realizzatori. A breve distanza, nel cuore del borgo c'è poi il Castello medievale di cui rimangono due imponenti torri e una struttura che immortala il volto medievale di Formia.

Il presente non si dimentica del passato neppure a tavola. In Via Rialto Ferrovia o in Via Ferdinando Lavanga si possono trovare locali capaci di valorizzare la tradizione culinaria di Formia e dintorni. Ci sono gli squisiti gnocchi di patate ai frutti di mare, le maruzzelle coi pomodorini o le cosidette fregnacce del gatto, ossia pasta all'uovo fatta in casa con cozze, pomodorini e funghi. Naturalmente qui trovano posto ai fornelli anche ingredienti tipici di centri vicini, come le olive di Gaeta o la salsiccia di Fondi.